Percorso 10 in bicicletta: La foce del Tagliamento. Un biotopo articolato.

Difficoltà: facile

Lunghezza: 9,5 chilometri

Tempo previsto: 1 ora e 30 minuti circa

L’area di foce del Tagliamento è un ambiente assai complesso e articolato sotto il profilo ecologico. Il tracciato ad anello permetterà una visita ricca di spunti soprattutto sotto il profilo naturalistico, grazie alla presenza di un fitto bosco di pini neri, di dune fossili e degli estesi canneti.MOD4

Il biotopo della foce del Tagliamento, sul versante occidentale (destra idrografica) del fiume, offre un interessante ambiente naturalistico a poca distanza dal centro balneare di Bibione. Il biotopo è un’area di limitate dimensione dove vivono diverse specie vegetali e animali, tra i quali si possono ammirare pini neri, lecci, ontani, canneti perifluviali, giunchi, ramarri, upupe, garzette, falchi pescatori, tartarughe palustri e raganelle. A questo spettacolo naturalistico si affianca una molteplicità di paesaggi: da quello prettamente fluviale a quello delle dune, passando per quello litoraneo e finendo con quello agrario. L’eterogeneità di tale territorio conferisce a questa breve esplorazione in bicicletta un carattere speciale, adatto a coloro che vogliono trascorre un po’ di tempo a contatto con la natura. Si segnala inoltre la presenza del faro costruito a inizio Novecento, nei cui pressi sono evidenti gli effetti dell’erosione (causata da fattori sia naturali che antropici, per l’eccessivo sfruttamento del fiume). Infatti il faro, solo 30 anni fa, non era a ridosso della spiaggia come lo è oggi. Da ricordare infine l’area agricola detta ‘degli Istriani’. Il nome deriva dai primi abitanti che si installarono in quest’area negli anni Cinquanta del Novecento: la grande maggioranza era costituita da esuli italiani provenienti dall’ex Jugoslavia (Istria e Dalmazia). In questa zona oggi vengono coltivati molti ortaggi e frutta di stagione, con la possibilità di acquistarli direttamente dal produttore. In prossimità della spiaggia, vicino al faro, si può scrutare il mescolarsi delle acque del mare con quelle del fiume.

Da dove partire:

La partenza è prevista da piazzale Zenit, sito nell’estremo lembo orientale del nucleo balneare di Bibione. Qui si può prendere il percorso pedonale che costeggia la spiaggia, fino ad arrivare a una stradina asfaltata conduce lungo un viale costeggiato da pini marittimi. Proseguendo lungo questa stradina si arriva al faro attraversando l’area naturalistica. Arrivati al faro, si prosegue su una carrareccia sterrata che costeggia l’argine destro del fiume fino a incrociare via del Mare; poi si prosegue lungo via Pola e si fa ritorno a piazzale Zenit.